Struttura link sito e scelta keywords migliori

CAPITOLO 3

keywords scelta parola chiave sito web seofarming

Keywords e Struttura Link

I motori di ricerca, come già spiegato in precedenza, sono limitati nel modo in cui scansionano il web e nel modo di interpretarne il suo contenuto. Ricordate anche che una buona strategia SEO è volta prima all’utente finale e poi al crawler di un motore di ricerca? Bene…. Ora vedremo come costruire una pagina web al fine di renderla ottimale sia per i motori di ricerca che per gli utenti che la visualizzano.

Contenuti HTML facilmente indicizzabili

Per far si che una pagina venga indicizzata è fondamentale che il suo contenuto sia in formato di testo HTML, il pasto preferito di un crawler 🙂 Tutte le immagini, i file Flash, gli applet Java e tutti i file con contenuti non testuali sono indigesti ai crawlers così spesso vengo ignorati del tutto e non indicizzati. Una pagina ricca di contenuti testuali HTML sarà sicuramente ben digerita dai crawlers. Scrivere molte parole (testo) all’interno di una pagina fa si che il lettore abbia la possibilità di leggere con facilità l’argomento trattato, e offre la possibilità ai motori di ricerca di capirne subito il contenuto.

struttura link sito

Link ben strutturati

Ricordate l’esempio della rete metropolita nel precedente capitolo? I links contenuti in un sito web sono la rete di collegamento che unisce tutti i contenuti di un sito e li rende accessibili ai crawlers, offrendo loro la possibilità di indicizzarli. Ricordatevi sempre di creare dei buoni link per le vostre pagine, un link deve essere non troppo lungo, non contenere stop words, ma soprattutto deve avere le giuste keywords in base all’argomento che state trattando. Molti utenti scrivono contenuti di elevata qualità ma creano titoli e link errati o poco attinenti all’argomento, niente di più sbagliato. Create sempre titoli di pagina e links attinenti al tema trattato, questo aiuterà le vostre pagine ad essere indicizzate meglio.

Gli URL sono anche di grande impatto visivo per un visitatore che legge i risultati di una pagina di ricerca. Gli URL appaiono in più posizioni importanti nella SERP. Incoraggiare un visitatore a cliccare su di un nostro link aumenta la possibilità di click-through e la visibilità. Quindi inserite sempre almeno una keyword all’interno dei link!

Ogni webmaster, nello scegliere le parole che comporranno il suo link deve immedesimarsi in chi lo leggerà e, si spera, lo cliccherà. Dal mio link si capisce subito l’argomento che tratto? Il mio link è abbastanza descrittivo e offre al visitatore una breve panoramica sull’argomento che troverà cliccandolo? Ricordate, poche parole ma buone. Evitate link troppo lunghi….i crawler prenderanno in considerazione solo la prima parte dello stesso. I Link brevi sono migliori!

Evitate di adoperare, nella scelta del link, simboli, caratteri speciali e stop words. I migliori URL sono quelli più facilmente leggibili e senza un sacco di simboli e caratteri strani. Consiglio vivamente anche di attivare sul vostro Server il mod_rewrite per Apache (linux) o ISAPI_Rewrite  (Microsoft). Il mod_rewrite offre la possibilità di trasformare gli URL dinamici in URL statici… più puliti, lineari e di facile comprensione.

Un esempio di come agisce il mod_rewrite su di un URL dinamico, trasformandolo in un URL statico:

URL dinamico: https://seofarming.it/blog?id=123

URL statico: https://seofarming.it/blog / il titolo della pagina (contiene la keyword)

Capirete da soli che l’URL statico generato è di gran lunga più semplice da leggere sia per voi che per un motore di ricerca avido di keywords :)

Keywords – Parole chiave di utilizzo e targeting

Riuscite anche solo ad immaginare quante parole chiave (keywords) esistano sul web? Semplice: infinite! Le parole chiave sono il fondamento di ogni ricerca, quando si cerca qualcosa sul web si inseriscono le parole inerenti a cosa ci interessa e su cui vogliamo avere maggiori informazioni. Le keywords sono il pane quotidiano di tutti i motori di ricerca. Al fine di meglio catalogare l’infinità di parole chiave e riuscire nell’intento di offrire in una frazione di secondo i risultati più inerenti alla ricerca degli utenti, i motori di ricerca posseggono non un unico immenso database ma hanno migliaia di migliaia di database più piccoli. Ognuno di questi database è incentrato su delle particolari parole chiavi. La definirei “quasi” una catalogazione per argomenti.

Keyword Domination – Dominazione delle parole chiavi

Il miglior modo per aumentare il ranking di una pagina web è quello di utilizzare ed inserire le keywords migliori e più inerenti al tema trattato all’interno del:

– titolo di pagina

– contenuto della pagina

– metadescrizione della pagina

Quando un motore di ricerca seleziona i risultati da mostrare all’utente non fa altro che scegliere i contenuti contenenti più parole chiave attinenti (oltre ovviamente a valutare tanti altri fattori). Inserendo le keywords nel posto giusto aiutiamo il motore di ricerca ad indicizzare una pagina nel migliore dei modi.

Scelta delle parole chiave

Scrivere un contenuto contenente parole chiave molto usate sul web riduce di molto la possibilità di un buon posizionamento della pagina. La concorrenza sarà molto agguerrita e spuntarla è quasi impossibile! Concentratevi da subito nella scelta di parole chiave  alternative e il più mirate possibile! Esistono due tipologie di parole chiave:

– Keyword long tail: keyword costituite solitamente da 3 o più parole

– Keyword short tail: keyword costituite solitamente da 1 o 2 parole

Scegliere le giuste parole chiavi assicurerà alla vostra pagina meno concorrenza e di conseguenza otterrete un migliore posizionamento nella SERP.

Keyword Stuffing – Abuso della parola chiave

La Keyword Stuffing è la pratica di sovraottimizzazione di un sito mediante l’utilizzo massiccio ed indiscriminato delle parole chiave. E’ la ripetizione forzata della stessa keyword praticamente ovunque all’interno di una pagina web. Questa tecnica agli albori del web era molto adoperata nell’intento di raggirare i motori di ricerca. Oggi la Keyword Stuffing è considerata una pratica malevola e fortemente penalizzante in ambito SEO. Il modo migliore per inserire il giusto numero di parole chiave all’interno di una pagina è quello di utilizzare nel modo più naturale possibile. Scrivere con buon senso e trattare l’argomento in modo corposo e affascinante….cosi da invogliare il visitatore a leggere tutto.

Keyword Density – Densità delle parole chiave

La Keyword Density è un argomento abbastanza delicato. In parole semplici non è altro che il conteggio della presenza di una determinata parola chiave all’interno di un testo. Per evitare la Keyword Stuffing si capisce subito che utilizzare troppe volte la stessa keyword è controproducente e ci espone a rischio penalizzazione. Esiste una giusta percentuale di Keyword Density, questa secondo molti studi si attesta sul 3-4% di densità. In parole povere ripetere la parola chiave non più di 3 o 4 volte ogni cento parole di testo.

Vuoi testare la struttura e le keywords del tuo sito internet? Fallo su TuttoWebMaster

Vai al Capitolo 4…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here